Creare diamanti dallo smog: adesso è possibile

Creare diamanti dallo smog adesso è possibile

Creare diamanti dallo smog: adesso è possibile

Diamanti dallo smogIl diamante è da sempre simbolo di ricchezza e prestigio, soprattutto un virtù della sua natura eterea, quella percezione di candore dettata per lo più dalle caratteristiche estetiche dell’elemento: la sua trasparenza, la perfezione delle facce e la rifrazione della luce unica al mondo rendono la gemma per eccellenza un simbolo di assoluta purezza.

Dopo aver considerato le caratteristiche del diamante, poniamoci una domanda: che cosa succederebbe, se fosse possibile ottenere quella stessa purezza partendo da un elemento che rappresenta il suo esatto opposto come lo smog?

Della fattibilità di un progetto del genere è promotore e fautore l’artista olandese Daan Roosegaarde, designer molto conosciuto per progetti di riqualificazione urbana ma che nulla avevano a che vedere, fino ad oggi, con l’idea di realizzare diamanti attraverso lo smog, balzato agli onori della cronaca – in tempi recenti – grazie a un progetto unico nel suo genere.

Roosegaarde era infatti convinto di poter ottenere veri e propri diamanti attraverso un processo di compressione del carbonio, il quale tuttavia non è altro che una logica conseguenza di un’azione ben più nobile cui è finalizzata l’intera ricerca: creare un dispositivo in grado di ripulire in breve tempo l’aria della zona circostante, regalando così ai cittadini un’inedita esperienza sensoriale all’interno della quale godere di aria sana e pulita, senza doversi spostare di diversi chilometri dal contesto cittadino.

La Smog Free Tower, questo è il nome della torre ideata da Roosegaarde con fine di depurazione dell’aria, ha visto la luce in tempi recentissimi con la realizzazione del primo prototipo funzionante nella città di Rotterdam. Molte altre megalopoli del mondo, prima fra tutte Pechino, ben nota per gli atavici problemi di smog che da anni attanagliano i cittadini della capitale cinese, ha prenotato con entusiasmo altre installazioni della torre antismog.

Come funziona la Smog Free Tower

Il procedimento che permette alla Torre depuratrice di funzionare è molto semplice: una turbina che funge da “aspiratore” gigante
incamera tutta l’aria circostante alla zona in cui viene installato il macchinario, e si basa sul concetto di ionizzazione dell’aria.
Dopo essere stata incamerata, le particelle d’aria vengono separate da quelle di smog e seguentemente restituite all’ambiente in forma pura al 75% in più rispetto alla sua versione inizialmente “inquinata”.

Lo smog viene trattenuto attraverso la creazione di un semplice campo elettromagnetico atto a trattenere tutte le forme di polveri sottili, che successivamente vengono compresse e cristallizzate.
Come ben sappiamo, il processo di cristallizzazione e compressione del carbonio sta alla base della fase di ”diamantizzazione” degli elementi.

Il risultato sarà dunque un cristallo a forma di cubo con un’anima più scura, in cui risiedono le particelle di smog supercompresso.

Un processo semplice per uno scopo complesso

La semplicità della procedura dal punto di vista tecnico va letta in misura inversamente proporzionale ai benefici ricavabili: Creazione di diamanti dallo smogl’installazione di torri antismog è del tutto ecosostenibile, alimentandosi attraverso il ben noto meccanismo delle pale eoliche. Favorisce inoltre una riqualificazione ambientale nella zona in cui viene collocata, regala un’esperienza di inedito benessere a chi attraversa l’area interessata, e vanta l’originalissimo beneficio di poter ottenere gioielli di diamanti veri e propri nati e trasformati da un elemento fortemente dannoso per l’uomo.

I diamanti creati dallo smog hanno inoltre un costo relativamente basso, ed anche se non possono vantare caratteristiche estetiche e di purezza identiche a quelle dei diamanti naturali, hanno dalla loro l’innegabile fascino dell’originalità e il background della realizzazione a scopo ecologico che rendono onore e prestigio alla pietra stessa.

Infine, va detto che i piccoli “cubi” di smog/diamante vantano un aspetto unico nel suo genere, e possono impreziosire in modo unico diverse tipologie di utilizzo nel campo della gioielleria e dell’oreficeria.

 

Condividi questo post